banner

Cerca


Insetti delle derrate disinfestazione e controllo


PREMESSA

La corretta ed efficace predisposizione di un piano di controllo e monitoraggio degli insetti delle derrate rappresenta uno dei servizi più impegnativi per il professionista della disinfestazione.

Base dell'intero processo rimane il possesso di alcune nozioni relative alla biologia ed all'ecologia delle varie specie, nonché una certa “dimestichezza” nel riconoscimento visivo delle stesse. Abbiamo predisposto alcune pagine che hanno lo scopo di aiutare nel ricordare gli elementi caratterizzanti di alcune delle specie più diffuse e frequenti.
Image title

I servizi di lotta/controllo agli infestanti delle derrate si basano su di un insieme di azioni che devono essere attuate congiuntamente per aumentare le probabilità di successo.

Il servizio offerto risulta pertanto composto da:

  1. Ispezioni ;

  2. Allestimento di sistemi di monitoraggio ;

  3. Presentazione di consigli atti a prevenire l'insorgere di infestazioni ;

  4. Applicazione di insetticidi e derattizzanti ;

  5. Verifica dei risultati ;

  6. Stesura di relazioni puntuali e riepilogative.



Lotta e controllo dell'infestazione da insetti delle derrate :


Per poter gestire questo ruolo, anche complesso, l'azienda di servizi dovrà documentarsi ed operare con personale formato relativamente a:

  1. I costumi di vita e il comportamento delle principali specie parassite (vedi in seguito);

  2. Le modalità di ricerca (e strumenti utilizzabili) per la verifica della presenza dei potenziali parassiti (c.d. MONITORAGGIO);

  3. I principali aspetti gestionali di una industria agro alimentare (turni di lavorazione, conformazione e complessità degli impianti, caratteristiche del micro-clima interno all'industria (temperatura, umidità relativa), modalità di esecuzione delle pulizie e dei programmi periodici di manutenzione ordinaria e straordinaria

I tecnici della prevenzione devono inoltre comprendere con sicurezza:

  • Se la causa dell'infestazione è interna all'azienda (pertanto i parassiti trovano all'interno degli edifici condizioni buone per il loro sviluppo);

  • Se l'infestazione è occasionale e si è generata per contaminazione dall'ambiente esterno (i parassiti sono penetrati grazie a materie prime, imballi, personale, aperture non protette, …).

  • Se le misure adottate dall'azienda alimentare sono in grado di impedire efficacemente l'entrata agli infestanti (zanzariere, doppie porte, lame d'aria, sifoni agli scarichi, sigillatura interstizi e fori di passaggio delle condotte dei servizi, eccetera ).

 

Il disinfestatore senza la collaborazione della Direzione dell'azienda alimentare difficilmente potrà ottenere risultati apprezzabili (ad esempio: a poco serve applicare un formulato insetticida , anche se di ottima qualità , su superfici unte o polverose o coperte da residui di lavorazione degli alimenti).

Inoltre il disinfestatore dovrà sempre tenere presente che la sua attività può essere causa di danni anche gravi, quando:

  • I prodotti utilizzati hanno alterato le qualità organolettiche degli alimenti o ne hanno compromesso la sicurezza (caso della contaminazione con sostanze tossiche).

  • Il mancato controllo dell'infestazione ha permesso ai parassiti di diffondersi ulteriormente causando la contaminazione di alimenti destinati alla vendita ed esponendo l'industria alimentare a pesanti reclami da parte dei clienti.

E’ necessario anche ricordare che la presenza di insetti o di roditori nei luoghi di preparazione degli alimenti può facilmente compromettere la sanità dell’alimento anche per la possibilità che gli infestanti svolgano il ruolo di vettori di microrganismi patogeni per l’uomo.

Suggerimenti operativi per la disinfestazione dagli insetti delle derrate :

Le applicazioni con i formulati liquidi è opportuno siano realizzate con pompe a bassa pressione verificando attentamente la dispersione del formulato negli ambienti. I trattamenti mediante apparecchi termonebbiogeni od aerosolizzatori devono essere eseguiti solo dopo un attento esame dei flussi d'aria presenti nell’ambiente ove deve essere operata la disinfestazione.

Deve sempre essere evitata la contaminazione di superfici che vengono in diretto contatto con gli alimenti. Se ciò avviene deve essere predisposta un’ idonea opera di bonifica. Quando è impossibile evitare il trattamento di macchinari che lavorano direttamente gli alimenti si dovranno impiegare solo estratti di piretro o piretroidi a veloce degradazione (ad es. d-phenotrin).

Negli altri casi è bene privilegiare l'impiego di formulati privi di solventi del tipo: microemulsioni acquose o le sospensioni concentrate al posto delle tradizionali emulsioni concentrate. I principi attivi solitamente impiegati sono alfametrtina, deltametrina, tetrametrina, piretrine naturali. I prodotti ad elevata tensione di vapore (ad es. naled) è bene siano utilizzati in piccole quantità e solo per ottenere un iniziale effetto snidante (ad es. per il controllo delle blatte).

Le polveri insetticide per quanto a volte utili per il trattamento delle canalette di passaggio dei cavi elettrici devono essere utilizzate con grande attenzione dato il possibile successivo spostamento della polvere stessa ad opera di flussi d'aria, insetti, passaggio di macchine ed operatori.

Poiché ogni tipologia di industria alimentare è caratterizzata dai "suoi" parassiti si consiglia di mettere a punto una solida esperienza su di un settore di detta industria (es. dolciario) prima di affrontarne un successivo (ad es. lavorazione della carne o del pesce)

Nella difesa dell'industria molitoria è importante imparare a conoscere il comportamento delle tignole delle farine la cui infestazione difficilmente è affrontabile con l'applicazione di insetticidi ma può essere tenuta sotto controllo mediante il contemporaneo impiego di lampade a luce UV e di trappole caricate con feromoni sessuali (destinate alla cattura dei maschi adulti).

Inoltre potranno essere effettuati trattamenti mediante impiego di generatori di nebbie calde o fredde, nei momenti di fermo tecnico dell'industria, sempre prestando attenzione ai formulati impiegati per non creare problemi legati al persistere di residui chimici.